Giordano Amato

Giordano Amato

Drammaturgo e Regista
Fondatore e Direttore Artistico
de Il Mutamento Zona Castalia

 

La sua eterogenea formazione spazia dallo studio della cultura e delle discipline orientali, a quello della lingua giapponese e del violino. Nel suo lungo percorso ha incontrato i principali maestri del secolo scorso, da Jerzy Grotowski a Eugenio Barba, da Peter Brook a Jean-Claude Carrière, da Alejandro Jodorowsky a Fernando Arrabal, collaborando con diversi di loro.

Vive e lavora a Torino dove si occupa di teatro e di organizzazione di eventi culturali da circa trenta anni. Ha curato oltre trenta regie e molte drammaturgie, realizzando spettacoli ospitati in manifestazioni e festival italiani, europei ed extraeuropei in città quali Volgograd, Chambery, Valencia, Varsavia, Cracovia, Wroclaw, Città del Messico.

Ha promosso un’intensa attività di ospitalità con artisti di fama internazionale quali: A. Jodorowsky, Jean-Claude Carrière, F. Arrabal, Eugenio Barba, Terry Riley, Amelia Cuni, Daisuke Yoshimoto, diversi dei quali per la prima volta a Torino.

Ha diretto una messa in scena dedicata a Tiziano Terzani e un cortometraggio ispirato a un racconto indiano che hanno visto la partecipazione di Sotigui Kouyaté.

Ha promosso manifestazioni quali: l’ISAO Festival (Il Sacro Attraverso l’ordinario), il Progetto SpaziOsservatorio, Per un Teatro Indipendente d’Arte e di Minoranza (2000-2002), Progetto Balcalìa (1999-2000), la rassegna Una Via Teatrale. Nel 2004 è nata la manifestazione TST (Teatri Senza Teatro) Teatri d’Innovazione in spazi non convenzionali e da questa, nel 2006, la R.M. Storie di altri mondi, dedicata al territorio di Borgo Dora, unica nella Città di Torino. In quest’ambito sono nate e proseguono la rassegna Raccontando gli altri mondi e il laboratorio L’ascolto e l’incontro.

Dal 1995 è attivo a livello nazionale per la promozione e la visibilità delle nuove generazioni teatrali; è stato fondatore dell’ATI (Associazione Teatri Invisibili), ricoprendo la carica di Presidente dal 1996 al 1999; per l’ATI, in collaborazione con l’ETI (Ente Teatrale Italiano), ha realizzato il volume “Teatri Invisibili” e nuove generazioni teatrali – 1° Censimento nazionale delle compagnie non sovvenzionate dallo Stato.

Nel 1999 ha realizzato la sezione CreAzioni dall’Invisibile del Festival di Volterra.99, alla quale hanno partecipato, tra gli esordienti, Ascanio Celestini e Gaetano Ventriglia con lo spettacolo “Cicoria”.

Da metà degli anni ’90, per circa dieci anni, ha promosso il Progetto Internazionale di Formazione Permanente MAIAURLI, che ha avuto tra i docenti Eugenio Barba, Cesar Brie, Julia Varley, Roberta Carreri , Torger Weithal, Mamadou Dioume, David Hykes, Michael Vetter, Tapa Sudana, Raffaella Giordano. Nel 2008/9, è stato promotore del Progetto L’albero Rovesciato, unica iniziativa selezionata dall’ETI Ente Teatrale Italiano nella prima edizione di Teatri del Tempo Presente, realizzato in coproduzione tra cinque Residenze Multidisciplinari del Piemonte. Nella XVI ed. de Il Sacro Attraverso l’ordinario ha promosso la Sezione Teatri del Tempo Presente, vetrina alle nuove generazioni teatrali realizzata in collaborazione con l’ETI, la Fondazione Teatro Piemonte Europa e l’Associazione Piemonte delle Residenze.

È stato fondatore e direttore artistico del Centro Culturale Polivalente Zona Castalia, spazio non convenzionale che si è distinto a Torino per la programmazione e per il contributo al rinnovamento della scena teatrale torinese negli anni dal 1995 al 2000. Nel 1998 nasce per sua iniziativa Il Mutamento Zona Castalia Associazione di Cultura Globale; a lui si affianca dal 2002 l’attrice e pedagoga Eliana Cantone.

Nel 2002 ha organizzato il convegno internazionale The Dick’s Days, dedicato allo scrittore statunitense P. K. Dick. Nel triennio 2003-2005 ha curato la realizzazione della R.M. Verso una Polonia Europea, che ha portato a Torino alcune tra le più significative compagnia polacche contemporanee, tra le quali: Teatr Ósmego Dnia, Biuro Podrozy, Przemek Wasilkowski, Teatr Zar, Studium Teatralne, Teatro Wierszalin, Teatr Dada von Bzdulow, Teatr Provisorium & Kompania Teatr, Gemelli Janiccy.

Ha diretto il Progetto ROSAGUERRA, nato nel 2014 con Marta e Olmo, spettacolo al quale si è aggiunto, nel 2016, Alba dell’orrido di Elva. Ha curato le “prove d’attore” di due giovani interpreti: nel 2015 con La ricotta dell’amore, interpretato da Michela Di Martino; nel 2017 con Mi faccio in t(r)e, interpretato da Gabriele Zunino; di entrambi i lavori ha curato drammaturgia e regia. Nel triennio 2015-2017 ha curato la direzione artistica del Progetto A NOI VIVI!, ispirato alle cantiche dantesche, incentrato sulla crisi economica, l’economia civile e la ricerca della felicità, impegnandosi nella realizzazione del trittico di spettacolo A NOI VIVI! L’inferno (2015), A NOI VIVI! Purgatorio (2016), A NOI VIVI! Il Paradiso (2017), curandone drammaturgia e regia.

drammaturgie e regie

Tu dici che questo è (1986)
Schweres Blut
(1987)
Il Bardo: l’infinitamente lontano è il ritorno
(1988)
Presagi
(1989)
Questo placido deserto di correnti
(1989)
L’altra
(1990)
Per cessare di essere ombre
(1992)
L’ospite nascosto
(1993)
Il canto del vuoto tagliente
(1994)
Nelle buone notti
(1995)
Il corpo del ricordo
(1996)
White man sleeps
(1997)
Viaggio in Occidente
(2000)
Sempre la belva si scatena per paura
(2002)
Le magiche avventure di Sun Wukon
(2003)

Maya (2003)
Il viaggio di Scimmiotto (2003)
Le favole del Pañcatantra (2004)
Irminsul (2004)
Kaidara (2005)
CCS (2005)
Mipam-Mila, un’infanzia tibetana (2006)
Tarantella della discordia (2006)
Icona (2006)
Flowers (2007)
Teresa (2008)
Nel ventre del bambino (2008)
Srulek e il vecchio chassid (2009)
Invisibile agli occhi (2009)
Sopra la rete (2010)

Il Tempo scolpito (2011)
La rete di Indra (2011) – installazione sonora
Contratto a tempo indeterminato (2012)
Il matto (2012)
La lepre e la luna (2013)
Marte e Olmo (2014)
Mamma Schiavona (2014)
La ricotta dell’amore (2015)
A NOI VIVI! L’inferno (2015)
Alba dell’orrido di Elva (2016)
Varvara la velata (2016)
A NOI VIVI! Purgatorio (2016)
Mi faccio in t(r)e (2017)
A NOI VIVI! Il Paradiso (2017)
Svalbard, la terra dove nessuno non muore (2018)

interviste