Associazione di Cultura Globale

Invisibile agli Occhi

invisibilemini

Il mondo non è tutto qui! No?
E allora dov’è? Dov’è il resto del mondo? O qualche altro mondo.
E perché io vedo e credo solo in questo mondo?
E soprattutto, di quale mondo state parlando?

Qui si parla del mondo della scoperta e della meraviglia. Non il mondo di ogni giorno, sicuro e definitivo, ma quello del bambino, per il quale l’avventura in questo mondo, per noi banale e ripetitivo, è fonte di stupore immenso e di nutrimento reale. Parliamo dello stesso mondo. Eppure parliamo di un mondo diverso, per il quale ci vogliono occhi diversi.

Lo spettacolo ci porta nei Mondi della Meraviglia e della Poesia, regni in cui è possibile, per un momento, dimenticare il tedio ordinario e la meccanica, spietata ripetizione degli eventi, così noiosa, eppure così rassicurante. Regni dove è possibile, per un momento, ritornare bambini, nutrendosi in maniera diretta ed immediata e accettando di provare un brivido. Un brivido di paura, di piacere, di dubbio. Forse il mondo non è tutto qui… Forse siamo alle soglie della scoperta, ma vorremmo rimanere sempre al bivio, senza dover scegliere mai, come i bambini non vogliono mai smettere di giocare. Perché quando finiamo di scoprire, quando il possesso su un’idea si fa talmente rigido da essere inamovibile, quando le cose ci appaiono irrimediabilmente determinate, quando finiamo per sempre di essere bambini nel mondo, il mondo, qualunque esso sia, non è più per noi.


drammaturgia e regia
Giordano V. Amato
interpreti
Eliana Amato Cantone
Elena Fresch
Matteo Mazzei  
oggetti di scena
Alberto Pastore

falegnameria
Luca Lusso

attrezzeria
Augusta Tibaldeschi

costumi
Roberta Vacchetta

light design
Federico Merula

foto di scena
Andrea Macchia

coproduzione
Il Mutamento Zona Castalia
Kinéma